Picconate in strada a Milano: muore il ragazzo di 21 anni, è la seconda vittima

Adam Kabobo cerchio_combo1Nonostante due interventi chirurgici durante i quali i medici hanno cercato di ridurre i danni, gravissimi, dell’aggressione subita a colpi di piccone alla testa, Daniele Carella, 20 anni, per il quale è stata dichiarata la morte cerebrale dai medici del Niguarda. Carella non è l’unico ad essere caduto sotto i colpi del piccone di Mada Kabobo, ghanese 31enne, senza fissa dimora. Le altre due vittime sono: Alessandro Carolè, 40 anni, morto sul colpo e Ermanno Masini, 64 anni, gravissimo al Policlinico.

Per due giorni la madre, il padre, il fratello e gli amici hanno sperato invano che le gravissime ferite inferte con un piccone da Mada Kabobo potessero essere in qualche modo curate.  Al momento in cui il Ghanese lo ha colpito, Daniele si trovava proprio assieme al padre Savino. Erano assieme in via Monterotondo e stavano consegnando giornali nelle portinerie dei palazzi.

Quella del giovane è stata l’ultima delle folli aggressioni messe in atto da Kabobo. Quando Daniele è stato colpito a picconate erano le 6.30, e un passante aveva da due minuti avvisato i carabinieri, che sono arrivati dopo pochi minuti, quando però il giovane era già stato colpito. Il sindaco Giuliano Pisapia aveva fatto visita a Carella e ai suoi famigliari, dopo aver incontrato la gente del quartiere sotto shock.

Intanto è stato convalidato dal gip del Tribunale di Milano Andrea Ghinetti l’arresto del 31enne ghanese Mada Kabobo, l’uomo che sabato mattina ha ucciso due persone e ne ha ferite altre tre a picconate nel quartiere di Niguarda. L’immigrato ha risposto alle domande degli inquirenti per circa un’ora e mezza assistito dal suo legale Matteo Parravicini.

Kabobo è stato interrogato nel carcere di San Vittore dove è rinchiuso da sabato mattina. Dopo il lungo silenzio davanti ai carabinieri il giorno dell’arresto, Kabobo ha invece chiarito alcuni punti ancora incerti nella dinamica di quanto accaduto davanti agli inquirenti. Durante l’interrogatorio era calmo e lucido.

Mada Kabobo, originario del Ghana, era a Milano almeno dal 20 aprile 2013 quando viene controllato in viale Monza dai carabinieri. Sbarcato in Italia Kabobo aveva presentato richiesta di asilo politico nel 2001, status che gli era stato negato in prima battuta. Ma l’immigrato aveva presentato ricorso, sul quale i giudici non si sono ancora pronunciati e per questo, a causa del procedimento pendente, pur essendo irregolare non poteva essere espulso. Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire i suoi ultimi giorni a Milano. Sembra che Kabobo abbia trascorso la notte prima del delitto, avvenuto all’alba di sabato scorso, dormendo nei ruderi di villa Trotti, un edificio abbandonato proprio al centro del quartiere Niguarda dove si sono verificate le sei aggressioni a colpi di spranga e piccone.

Il 31enne ha recuperato prima una spranga dai dissuasori di parcheggio di un vicino supermercato con la quale ha colpito le prime vittime. Andrea Carfora, 24 anni, dipendente di un supermercato, che stava tornando a casa dopo il lavoro intorno alle 5 di sabato mattina (per lui solo una contusione). Dieci minuti dopo in via Passerini ha colpito alla testa Francesco Niro, operaio di 50 anni, proprio di fronte a una scuola elementare. Poi, nel cantiere della villa abbandonata, Kabobo ha trovato un piccone e l’ha usato per minacciare un imbianchino di 56 anni in via Monte Grivola. L’uomo è riuscito a fuggire incolume. Alle 6.15 il ghanese ha aggredito nei giardini di via Adriatico il 64enne Ermanno Masini. Lo ha massacrato a picconate e l’uomo è ricoverato al Policlinico in condizioni disperate. Poi alle 6,25 è sceso verso piazza Belloveso dove ai tavolini del bar Delrosso ha colpito e ucciso il 40enne Alessandro Carolé. Solo in quel momento è stato dato l’allarme ai carabinieri. Infine, cinque minuti dopo, l’ultima aggressione in via Monterotondo dove Kabobo si è accanito su Daniele Carella, 21 anni, che stava consegnando i giornali insieme al padre. Il giovane dopo due giorni di lotta per sopravvivere nel reparto di Neurorianimazione del Niguarda è stato dichiarato clinicamente morto lunedì mattina intorno alle 10.40. L’immigrato è stato bloccato e arrestato da due pattuglie dei carabinieri alle 6.37 in via Racconigi, a circa 200 metri dall’luogo dell’ultima aggressione.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: