Grillo in piazza a Roma: ‘E’ stato un golpettino furbo’, Napolitano? ‘Un signore stanco’

grillo-roma-santi-apostoli_topGrillo è salito sopra la sua auto, a ridosso di piazza Santi Apostoli, dove non è riuscito a entrare per la troppa folla, ha salutato dicendo ‘arrendetevi’ e poi se n’è andato via. Nonostante il mancato comizio di Beppe Grillo gli attivisti del Movimento 5 Stelle continuano a presidiare Piazza Santi Apostoli ormai quasi completamente riempita.

Dopo la protesta davanti a Montecitorio il Movimento 5 Stelle torna in piazza a Roma per esprimere il proprio dissenso per la rielezione di Giorgio Napolitano. ‘Un golpe? No, ma un golpettino furbo sì’, tuona Beppe Grillo durante la conferenza stampa. ‘C’è stato uno scambio per salvare Berlusconi e Mps, la nostra democrazia è ormai ridotta al lumicino. Stanno rubando un anno di tempo, sta succedendo questo’.

Il leader dei 5 Stelle ricorda l’incontro con Napolitano e spiega: ‘Ho visto un signore stanco, molto stanco.  Vi dico con franchezza cosa ci siamo detti, gli abbiamo chiesto la fiducia e ci ha detto che non avevamo i numeri’. Ma, secondo Grillo, ‘si sono riunite quattro persone di notte, non so se D’Alema e Bersani con Monti e Berlusconi, e hanno deciso di notte che il settennato doveva andare avanti’. A proposito di Bersani il leader dei 5 Stelle ha spiegato: ‘Se ci avessero detto ‘facciamolo insieme’ ci avremmo pensato’. L’affondo contro i partiti è durissimo: ‘Ieri l’applauso a Napolitano era verso di loro, era un applauso di scherno per dire: ‘Non ce l’avete fatta’. E poi sono usciti tutti, con le loro auto blu’.

‘Se ci metteranno in un angolo, resteremo in un angolo. Ci metteremo all’opposizione e voteremo le cose giuste se sono nel nostro programma’. Così Beppe Grillo in conferenza stampa a Roma.

‘Il nostro Movimento è nato il giorno di San Francesco. Noi siamo stati i primi francescani. Ci tengo a dirlo: è il papa che è grillino’, afferma Grillo. ‘Se faranno un governo non funzionerà. Se il programma sarà l’agenda Monti, non funzionerà. Voglio vedere i dieci saggi diventati ministri quando andranno in Parlamento e diranno i rimborsi elettorali ce li teniamo. Faranno la ola!’. Secondo il leader 5 Stelle ‘Rodotà sarebbe stato un Presidente che garantisce tutti gli italiani, di destra e di sinistra: invece serve un Presidente che garantisce il culo giudiziario a Berlusconi e a salvare il Mps‘. ‘Ieri sera potevo venire in piazza, non ho paura, ma avevo paura che la mia presenza potesse’ favorire ‘la violenza. Io non voglio entrare in questi giri. Sto calmando gli animi. C’è gente che mi dice andiamo a Roma, o fucile o niente. Dovreste ringraziarci perché teniamo calma la gente. In Francia, in Grecia ci sono i nazisti, qui ci sono i grillini che hanno due palle così’.

Dopo il dietrofront di ieri sulla piazza il leader del M5S era atteso per un comizio alla manifestazione organizzata in piazza Santi Apostoli. Per diffondere l’invito parlamentari e militanti hanno fatto girare un messaggio attraverso la Rete: ‘Ragazzi ci si vede dalle 15,00 in piazza dei SS.Apostoli per dire basta a questa vergogna. Non siamo sudditi, siamo cittadini. Non mancate’. Alla manifestazione sono attese migliaia di persone e il sindaco Alemanno è già intervenuto per avvertire Grillo: ‘Roma è anche la sua capitale ed è pregato di non considerare il suo arrivo come un’invasione perché siamo poco disponibili a tollerare questo atteggiamento’. E in merito a eventuali stati di allerta o pericoli possibili, Alemanno ha risposto: ‘Dovete chiederlo al questore ma ieri mi sembra non sia successo nulla di grave’.

Dopo aver dato appuntamento ai suoi sostenitori in piazza per ieri pomeriggio, Grillo aveva rinviato il suo arrivo a oggi facendo saltare la ‘marcia’ sulla Capitale. La manifestazione era proseguita fino a tarda sera davanti a Montecitorio alla presenza di numerosi parlamentari del gruppo. La delusione per la mancata elezione di Stefano Rodotà è risuonata forte in tutta la piazza. Cori da stadio, slogan e grida hanno caratterizzato la manifestazione alla quale hanno preso parte non solo i membri del M5s ma anche attivisti del Pd, di Rifondazione Comunista e del Partito Pirata, ma anche tanti cittadini comuni. Un gruppo ha anche stracciato la tessera del Pd non appena saputo della rielezione di Napolitano. Bersagliati i leader di Pd e Pdl, Pierluigi Bersani e Silvio Berlusconi. Al termine delle votazioni un boato di disapprovazione ha accolto l’elezione di Napolitano, mentre deputati e senatori lasciavano alla spicciolata la Camera. Tra loro anche l’ex ministro Carlo Giovanardi, respinto a suon di tappi di bottiglia dal presidio che lui non esita a definire ‘fascista’. L’allerta sicurezza resta alta anche per la giornata di oggi nonostante non si segnalino particolari momenti di tensione in piazza.

Il leader del Movimento Cinque Stelle, Beppe Grillo è arrivato nei pressi piazza dei Santi Apostoli, ed è stato circondato da decine di giornalisti e fotografi.  Grillo è salito sopra la sua auto, a ridosso di piazza Sant’Apostoli, dove non è riuscito a entrare per la troppa folla, ha salutato dicendo ‘arrendetevi’ e poi se n’è andato via in auto.

Su Twitter #Grillo ‘La manifestazione di Roma non é organizzata da M5S, é spontanea’ #tuttiaroma

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: