Amina Tyler, la Femen tunisina, è scomparsa

amina-Tyler-1Amina Tyler, 19 anni la tunisina divenuta famosa per aver postato su Internet una fotografia del suo corpo nudo ispirandosi alle attiviste ucraine Femen, è scomparsa da venerdì e di lei non si sa più nulla. A lanciare l’allarme è stata la madre della giovane, preoccupata per la figlia che da sei anni è sotto ‘trattamento psichiatrico’. La donna ha riferito di aver parlato con il medico che ce l’ha in cura, annunciando l’intenzione di presentare denuncia al ministero degli Interni e respingendo con forza la tesi di alcuni gruppi per i diritti delle donne secondo cui la ragazza sarebbe stata sequestrata dalla sua stessa famiglia. ‘Alcuni gruppi stanno sfruttando la storia di mia figlia a sue spese’, ha aggiunto, sottolineando che ‘non c’è mai stato nessun rapimento. Stiamo solo tentando di proteggere nostra figlia impedendole di uscire da sola, per la sua sicurezza’.

Diversa la versione che la stessa Amina ha dato a una delle leader delle Femen ucraine, Inna Shevchenko, contattata via Skype dopo essere riuscita a fuggire. Parlando da un luogo segreto, Amina ha raccontato di essere stata picchiata da suo zio e da suo cugino e di essere stata portata in un villaggio remoto dove le sono stati somministrati potenti sedativi. ‘Mi hanno forzato a leggere il Corano’ e ‘tutti i giorni mi insegnavano la morale’ e ‘mi portavano dall’imam’, ha raccontato Amina, confessando di essere stata anche sottoposta all’umiliante test della verginità, un’esperienza ‘orribile’ ‘contro la mia volontà’. Il mese scorso, le foto di Amina che rivendica la proprietà del suo corpo esponendolo hanno fatto il giro del mondo e provocato le ire degli islamisti tunisini. Rischia fino a sei mesi di carcere per oltraggio alla morale. Poco dopo, la giovane in un’intervista aveva espresso il desiderio di lasciare il Paese maghrebino per timore per la sua vita.

Amina ha anche detto che le dichiarazioni rese a Canal+ – in cui criticava le Femen perché le attiviste hanno bruciato una bandiera salafita e per aver rivelato la sua intenzione di lasciare la Tunisia – erano state ‘forzate’.
E annuncia una nuova sfida: ‘Non voglio lasciare la Tunisia prima di aver fatto una protesta in topless’, dice a Femen. ‘Voglio continuare la lotta che abbiamo iniziato in Tunisia e poi andarmene’.

In un’intervista su Repubblica ieri, la giovane attivista diceva di essersi allontanata dai suoi e di star bene ora, ma di non esserlo stata nelle scorse settimane. ‘La mia famiglia mi ha portata via da Tunisi dopo la pubblicazione delle mie foto a seno nudo: mi hanno dato delle medicine e costretto a leggere il Corano. Ora sono riuscita a scappare e non ho intenzione di fermarmi. Mi batterò ancora per le mie idee’.

Amina Tyler, questo il nome con cui si è presentata la ragazza, ha fatto scandalo in Tunisia pubblicando a metà marzo delle sue foto a seno nudo con la scritta ‘il mio corpo mi appartiene, non rappresenta l’onore di nessuno’ o ancora ‘fuck your morals’, sulla falsariga di Femen.

http://femen.org/

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: