Bagarre al processo Mediaset: no della Corte d’appello al legittimo impedimento

longo-ghedini-bigI legali di Silvio Berlusconi, Nicolo’ Ghedini e Piero Longo, hanno abbandonato l’aula per protesta contro la decisione del tribunale di bocciare il legittimo impedimento. Gli avvocati di tutti gli altri imputati hanno seguito il loro esempio. Longo e Ghedini hanno annunciato che revocheranno il mandato se il collegio non revocherà la sua decisione. Anche il pg, Laura Bertolesi Viale, ha chiesto la revoca dell’ordinanza ‘per la serenità del processo’.

Gli avvocati di Silvio Berlusconi hanno chiesto per la terza volta consecutiva la sospensione del processo d’appello per la compravendita di diritti tv per le reti Mediaset, che vede Silvio Berlusconi, condannato in primo grado per frode fiscale.

La Corte d’appello di Milano nel rigettare l’istanza di rinvio avanzata dalla difesa di Silvio Berlusconi ha motivato spiegando che gli impegni indicati oggi dall’ex premier non possono essere considerati ‘impedimenti assoluti e concreti’.

Il leader del Pdl nel fare istanza di legittimo impedimento aveva indicato come impegni per questa mattina una riunione con gli europarlamentari e nel pomeriggio la presentazione dei candidati alle politiche della circoscrizione Lazio.

Istanza che gli stessi legali hanno presentato anche per l’udienza in programma per lunedì prossimo del pr0cesso Ruby che vede Berlusconi imputato per concussione e favoreggiamento della prostituzione minorile.

Il procuratore generale Laura Bertole’ Viale, rappresentante della pubblica accusa al processo d’appello sul caso Mediaset, si è opposta alla richiesta della difesa di Silvio Berlusconi di rinviare, sulla base del legittimo impedimento il processo ma, nel caso in cui dovesse essere concesso il rinvio, ha chiesto di aggiornare il dibattimento a dopo il voto per non ‘spezzettare la discussione’ e quindi per concentrare le udienze in modo da ‘non mettere troppo tempo tra la requisitoria e le arringhe’.

E’ questo l’invito fatto dal Pg alla seconda corte d’appello, presieduta da Alessandra Galli, proprio per riuscire, dopo le elezioni, a celebrare il processo senza piu’ dover fermare il dibattimento con continui stop and go e senza che intercorra troppo tempo tra il suo intervento e quello dei legali degli imputati.

Da parte dalla Corte d’appello di Milano c’è una ‘pesante intromissione nella campagna elettorale” ha affermato l’avvocato Niccolo’ Ghedini in aula davanti ai giudici che hanno respinto la richiesta di rinviare l’udienza di oggi per legittimo impedimento.

‘Riteniamo l’esito di questo processo scontato e la nostra presenza inutile’, ha detto polemicamente Ghedini, sostenendo che la Corte con la sua ordinanza ha ‘decretato la nostra inutilità’ di avvocati a partecipare al procedimento.

‘A Milano ci sono processi assurdi contro di me, e vengono spesi tanti soldi per cose risibili’. Lo ha detto Silvio Berlusconi nel corso di una conferenza stampa nella sede del Pdl.

Alla fine il presidente del processo d’appello Mediaset, per ristabilire quel ‘clima di serenità’ invocato dalla pubblica accusa, ha deciso di rinviare l’udienza al prossimo 8 febbraio

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: