Attentato all’ambasciata Usa ad Ankara, in Turchia

turchia-ankara-invade-liraq-del-nord-L-feZhDME’ di due morti e diversi feriti il bilancio fino a questo momento dell’esplosione che questa mattina ha colpito l’ambasciata Usa ad Ankara, distruggendo il gabbiotto della sicurezza di un ingresso secondario della sede diplomatica.

Lo ha scritto il quotidiano turco Zaman. L’emittente tv Cnnturk ha affermato che le due vittime sono addetti alla sicurezza di nazionalità turca.

Un attentatore suicida si è fatto saltare in aria a uno degli ingressi laterali dell’ambasciata statunitense ad Ankara, in Turchia, uccidendo una guardia e ferendo alcune persone. L’ipotesi dell’attacco kamikaze, circolata fin dai primi minuti successivi all’esplosione, è stata confermata dal primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan che, nel corso di una diretta televisiva, ha chiesto uno sforzo globale per combattere il terrorismo.

Le immagini della tv turca hanno mostrato una porta scardinata, dei danni sui muri perimetrali dell’edificio e una colonna di fumo, ma non danni strutturali alla sede diplomatica. Un testimone oculare citato dall’agenzia di stampa Reuters ha visto una donna gravemente ferita mentre veniva caricata su uno dei mezzi di soccorso.

L’esplosione è avvenuta alle 13.15 locali su una strada lungo il compound dove si trova l’ambasciata e non ha fatto danni all’interno della missione diplomatica, riferiscono le tv turche. L’onda d’urto della deflagrazione ha invece danneggiato alcuni degli edifici circostanti, distruggendo vetrine fino a 100 metri di distanza. La polizia turca ha transennato la via dove c’è stato lo scoppio. L’ambasciata americana si trova nel quartiere di Cankaya, dove hanno sede buona parte delle sedi diplomatiche della capitale, ed è a poca distanza dalle ambasciate di Germania, Francia e Italia dove sono state rafforzate le misure di sicurezza.

La Turchia non è nuova ad attentati. Nel paese operano gruppi radicali islamici, formazioni separatiste e gruppuscoli di estrema destra e sinistra. In passato ci sono state esplosioni costate la vita a decine di persone sia in sinagoghe che contro istituzioni occidentali come il quartier generale locale del colosso bancario britannico Hsbc.

Ankara è un alleato storico degli Stati Uniti e negli ultimi mesi ha fatto ripetuti appelli alla comunità internazionale, chiedendo un intervento in Siria dove da mesi infuria una sanguinosa guerra civile. Sul territorio turco sono stazionati centinaia di militari americani, tedeschi e olandesi che, tra le altre cose, gestiscono un sistema di difesa dotato di missili Patriot che entrerà in funzione a giorni.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: