Monti inaugura a Torino la nuova stazione di Porta Susa fra le proteste degli attivisti

porta susa no tavScontri questa mattina, nella giornata dell’inaugurazione della nuova stazione di Porta Susa alla presenza del presidente del Consiglio Mario Monti. Una delegazione di una cinquantina di No Tav ha lanciato slogan ed ha cercato successivamente di sfondare il cordone di protezione. Immediata la reazione delle forze di polizia che hanno effettuato delle cariche di alleggerimento, mettendo in fuga i manifestanti lungo via Cernaia. Un giovane è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e travisamento, mentre un altro manifestante è stato soccorso e medicato in seguito alle cariche. Tra le forze dell’ordine un agente è stato colpito al volto riportando una contusione, che è stata medicata sul posto dai sanitari.

Un centinaio di autonomi con una delegazione di operai della De Tomaso ha intonato slogan di protesta e mostrato striscioni all’esterno della stazione. Un presidio di tassisti ha protestato in silenzio, esponendo striscioni polemici contro le misure fiscali volute dal governo Monti.

Sull’area di Porta Susa anche gli elicotteri delle forze dell’ordine in pattugliamento di sicurezza. Intanto i vigili urbani hanno chiuso per precauzione tutte le traverse di piazza 18 Dicembre.

La stazione avveniristica di Porta Susa ‘che scintilla davanti ai nostri occhi ci proietta nel futuro e rappresenta la stessa trasformazione che desideriamo per il nostro paese’. Lo ha detto il premier Mario Monti, inaugurando la nuova stazione ad alta velocità di Porta Susa a Torino, provenendo da Milano.

Per l’Italia secondo Monti serve ‘un cambiamento profondo, per recuperare lo slancio e le energie che abbiamo saputo mostrare nelle fasi migliori della nostra storia’.

‘Energie – ha precisato Monti – che non sono scomparse, non si sono spente. Hanno solo bisogno di essere rigenerate e rispettate. Sono forze che hanno bisogno di fiducia, perché l’Italia è una grande nazione al centro della politica europea e internazionale. Ed è un paese che conserva e deve conservare una vocazione industriale importante’.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: