Divorzio Berlusconi Lario: giudichesse ‘comuniste e femministe’, il tribunale ‘non dileggi’

Silvio Berlusconi, Veronica Lario‘Respingono ogni insinuazione i tre giudici del Tribunale di Milano, accusati da Silvio Berlusconi di essere ‘comuniste e femministe’ e che hanno deciso la cifra degli alimenti da versare alla ex moglie Veronica Lario nella sentenza di separazione. Inoltre i giudici invitano a evitare ‘ogni espressione di dileggio’ nei confronti della magistratura.

‘Respingiamo con fermezza ogni insinuazione sulla non terzietà dei giudici del Tribunale di Milano, componenti del collegio giudicante nella causa Bartolini Berlusconi essendo a tutti nota la diligenza e la capacità professionale delle stesse, quotidianamente impegnate nella fatica della giurisdizione nella delicata materia del diritto di famiglia’. Lo affermano in un comunicato il presidente del Tribunale di Milano Livia Pomodoro e il il presidente della corte d’appello Giovanni Canzio replicando al Cavaliere.

Berlusconi ha parlato ieri per la prima volta della sentenza di divorzio da veronica Lario e ha attaccato le ‘tre giudichesse femmiste e comuniste’ che hanno deciso gli alimenti per l’ex moglie. ‘Non sono 100 mila euro al giorno, sono 200 mila al giorno’. Ha affermato Berlusconi a Otto Mezzo parlando della sentenza.

Una sentenza e una cifra decisa da ‘tre giudichesse femministe e comuniste. E’ una cosa che sta nella realtà: 36 milioni con un arretrato di 76 milioni. Questi sono i giudici di Milano che mi perseguitano dal ’94’. Nella causa con Veronica Lario ‘farò un appello, ma spero di poter trovare un accordo visto che siamo in rapporti civilissimi’, ha aggiunto il leader del Pdl.

Pomodoro e Canzio hanno ricordato nella nota la raccomandazione del consiglio d’Europa ‘che prescrive ai rappresentanti dei poteri esecutivo e legislativo di evitare nel commento delle decisioni ogni espressione di dileggio che possa minare la fiducia dei cittadini nella magistratura e compromettere il rispetto sostanziale delle medesime decisioni’.

‘Proviamo sdegno di fronte alle inaccettabili accuse di parzialità rivolte dall’on. Berlusconi contro i magistrati del Tribunale di Milano, per di più espresse con parole quali giudici ‘femministe’ e ‘comuniste’. Lo ha dichiarato in una nota il presidente dell’Anm Rodolfo Sabelli.

Il dissenso nei confronti delle decisioni giudiziarie – ha aggiunto – va manifestato anzitutto attraverso il mezzo dell’impugnazione e comunque con critiche di contenuto, ispirate a correttezza e rispetto istituzionale’.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: