Ritirato il volantino shock sul femminicidio, Telefona rosa: ‘istiga alla violenza’ scandalo sul prete che lo ha affisso in chiesa

DonCorsi1--U11012791896839c-144x194--499x285Un volantino affisso, e già ritirato, dal parroco alla bacheca della chiesa di san Terenzo (Lerici) che ‘reinterpreta’ la lettera pastorale ‘Mulieres dignitatem’ e solleva dubbi sul ‘femminicidio’, accusando in sostanza le donne di essersi allontanate dalla virtù e dalla famiglia sta scatenato una rovente polemica.

E’ stato il vescovo di La Spezia ad ordinare che il documento fosse subito rimosso: ‘In nessun modo – scrive monsignor Luigi Ernesto Palletti, tradendo un incontenibile disappunto per lo scandalo – può essere messo in diretta correlazione qualunque deprecabile fenomeno di violenza sulle donne con qualsivoglia altra motivazione, né tanto meno tentare di darne una inconsistente giustificazione’.

Don Piero Corsi – che ha affisso l’estratto dalla lettera apostolica commentata dall’editorialista del sito Pontifex.it dal titolo ‘Le donne e il femminicidio, facciano sana autocritica. Quante volte provocano?’ – era già noto alle cronache per la sua passione al ‘tatsebao’, avendo già dedicato fogliettoni satirici contro l’Islam e contro gli immigrati appesi alla porta della chiesa.

Il volantino comincia con ‘l’analisi del fenomeno che i soliti tromboni di giornali e tv chiamano appunto femminicidio’. ‘Una stampa fanatica e deviata attribuisce all’uomo che non accetterebbe la separazione questa spinta alla violenza’, si legge nel volantino. Che prosegue: ‘Domandiamoci: possibile che in un sol colpo gli uomini siano impazziti? Non lo crediamo. Il nodo sta nel fatto che le donne sempre più spesso provocano, cadono nell’arroganza, si credono autosufficienti e finiscono con esasperare le tensioni. Bambini abbandonati a loro stessi, case sporche, piatti in tavola freddi e da fast food, vestiti sudici. Dunque se una famiglia finisce a ramengo e si arriva al delitto (forma di violenza da condannare e punire con fermezza) spesso le responsabilità sono condivise’.

Il volantino esamina poi la questione della violenza sessuale: ‘Quante volte vediamo ragazze e signore mature circolare per strada con vestiti provocanti e succinti? quanti tradimenti si consumano sui luoghi di lavoro, nelle palestre e nei cinema? Potrebbero farne a meno. Costoro provocano gli istinti peggiori e poi si arriva alla violenza o abuso sessuale (lo ribadiamo. Roba da mascalzoni). Facciano un sano esame di coscienza: forse questo ce lo siamo cercate anche noi?’.

‘Chiediamo alle massime autorità civili e religiose che si attivino perché venga immediatamente rimosso – prontamente ritirato – il manifesto affisso dal parroco e che riteniamo una gravissima offesa alla dignità delle donne’. E’ questa la reazione della presidente di Telefono Rosa Maria Gabriella Carnieri Moscatelli.

‘Non è solo un problema di forma o di dignità lesa – scrive Moscatelli -. Noi di Telefono Rosa riteniamo che questo messaggio sia una vera e propria istigazione a un comportamento violento nei confronti delle donne perché si offre una inaudita motivazione ad atti criminali contro di esse. Chiediamo che sia lo stesso Presidente del Consiglio Mario Monti, che proprio ieri nel suo discorso ha parlato della necessità di una nuova rappresentazione delle donne intervenga attraverso i ministri competenti. Ma la richiesta è diretta anche a Papa Benedetto XVI e al vescovo della Spezia. In Italia, che è il Paese con il maggior numero di femminicidi d’Europa e ha un altissimo numero di violenze consumate all’interno delle mura domestiche, un episodio come questo non è più tollerabile.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: