Election day, ok dal Quirinale

Le elezioni regionali di Lazio, Lombardia e Molise potranno tenersi il 10 marzo (invece che il 10 febbraio) e in quella data è possibile anche votare per le politiche: è una apertura al cosiddetto ‘Election day’ quella emersa dal Quirinale al termine del vertice dal presidente Giorgio Napolitano con i presidenti di Senato e Camera nonché il presidente del Consiglio, Mario Monti. Ma l’apertura è condizionata all’approvazione della legge di stabilità e soprattutto della legge elettorale.

‘C’è l’accordo, si vota il 10 marzo’ titola oggi Repubblica; ‘Voto a marzo, il Quirinale apre’ per il Corriere della Sera. ‘Napolitano apre all’election day’ è il titolo de la Stampa. Per Il Giornale, ‘Ciao Monti – Tecnici agli sgoccioli’ e aggiunge ‘Pdl soddisfatto per l’election day, le primarie si allontanano’, mentre Libero interpreta: ‘Vince il centrodestra: si vota il 10 marzo’.

Ma l’Election day è possibile ma non scontato, che si voti anche per le politiche dipenderà da una serie di fattori che si determineranno nelle prossime settimane, uno dei quali per il Presidente della Repubblica sarà appunto verificare la responsabilità delle forze politiche sulla riforma della legge elettorale, come si evince dalla nota diffusa dal Quirinale al termine del vertice. Il problema è capire cosa accadrà se non si arrivasse alla nuova legge tanto auspicata dal capo dello Stato entro il 20 gennaio, data ultima perché il Presidente possa sciogliere le Camere per il voto anticipato del 10 marzo. Il Quirinale sarebbe pronto a un ‘intervento’.

In tre passaggi Giorgio Napolitano spiega il suo ragionamento. ‘Una costruttiva conclusione della legislatura e la serietà dei problemi che il paese ha di fronte sconsigliano un affannoso succedersi di prove elettorali’, considerazione che viene riferita alle tre regioni chiamate al voto ma che non può non riguardare anche la scadenza elettorale più importante, quella appunto per il rinnovo del Parlamento. Inoltre il Capo dello Stato ritenendo ‘indubbia l’esigenza di un contestuale svolgimento delle elezioni nelle tre regioni’ giudica ‘appropriata la data del 10 marzo’, ma infine avverte che ‘attende il verificarsi delle condizioni opportune per la decisione che la Costituzione riserva al Capo dello Stato’, ossia lo scioglimento delle Camere.

La legge elettorale sarà quel test che Napolitano attende per prendere la decisione. Posto però che ci sono ‘adempimenti prioritari e ineludibili’ come ‘l’approvazione finale in Parlamento della legge di stabilità e quindi quella della legge di bilancio per il 2013′. Quanto alla riforma del voto è chiaro appunto che i tempi per verificarne la fattibilità si fermano a dicembre, in quanto per poter votare a marzo è necessario sciogliere le Camere entro gennaio. In questo senso il messaggio di ieri sera rivolto alle forze politiche è un nuovo e duro incitamento, una sfida al Parlamento affinché intervenga. E’ ‘altamente auspicabile la conclusione del confronto in atto da molti mesi per una riforma della legge elettorale’, ha scritto nella nota.

Se questo non accadrà in tempo utile Napolitano, assicurano al Colle, ‘non starà con le mani in mano’ e farà ‘tutto quello che è in suo potere fare’, e questo vuol dire mandare un messaggio alle Camere ma non solo. Bisogna ricordare infatti che c’è il principio sancito dalla sentenza della Corte costituzionale sulla rappresentatività del sistema di voto, e dunque la necessità di modificare il premio di maggioranza che oggi assegna alla coalizione che prende più voti un premio di governabilità pari al 55% dei seggi in Parlamento.

Infine è convinzione di Napolitano che sia necessario difendere il principio in base al quale spetta al nuovo Capo dello Stato e non a quello uscente il compito di affidare l’incarico al nuovo governo, ragione per la quale se davvero si creeranno quelle condizioni che porteranno al voto anticipato a marzo, a quanto si apprende, il Presidente potrebbe anche decidere di dimettersi qualche settimana prima della sua scadenza naturale, come fece Cossiga.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: