E’ morta Gae Aulenti

Gae Aulenti.

Gae Aulenti. (Photo credit: Wikipedia)

È morta la scorsa notte a Milano l’architetto e designer Gae Aulenti. Nata nel dicembre 1927, avrebbe compiuto tra poco 85 anni. Aulenti, malata da tempo, aveva fatto l’ultima uscita pubblica lo scorso 16 ottobre, quando aveva ritirato il premio alla carriera conferitole dalla Triennale.  

Nella sua lunga carriera ha firmato progetti come la ristrutturazione di Palazzo Grassi, l’Asian Art Museum di San Francisco, l’allestimento del Museo Nazionale d’Arte moderna del Centre Georges Pompidou di Parigi, il progetto di Piazzale Cadorna a Milano, il Museo d’arte catalana di Barcellona, le ex Scuderie del Quirinale. Sul fronte universitario è stata a Venezia assistente di Giuseppe Samonà dal 1960 al 1962, e poi dal 1964 al ’69 assistente di Ernesto Nathan Rogers al Politecnico.Ha anche collaborato con il regista Luca Ronconi insegnando, fra l’altro, progettazione teatrale a Prato negli anni Settanta.

Parigi, Barcellona, San Francisco, Tokyo, Siviglia, Gerusalemme e poi Venezia, Firenze, Roma: Gae Aulenti ha lasciato il segno in decine di città del mondo, con riqualificazioni uniche nel loro genere (come quella della Gare d’Orsay), ristrutturazioni (Palazzo Grassi a Venezia, le ex-Scuderie papali al Quirinale, il Palavela a Torino, l’aereoporto a Perugia), restauri (come l’ultima opera, il Palazzo Branciforte a Palermo) e nuove costruzioni (l’Istituto Italiano di cultura a Tokyo). Ma Gae Aulenti è stata anche design (celebre la lampada `Pipistrello´), scenografa (ha collaborato con Luca Ronconi) e ha allestito decine di mostre, esposizioni, importanti sedi museali.

‘L’architetto – disse in un’intervista – deve saper leggere il contesto perché molto spesso le radici sono nascoste e sotterranee. Il saperle riconoscere e farle apparire è il grande lavoro di rilettura storica di un luogo’. Il suo pensiero è che sia difficile essere architetti senza una preparazione intellettuale che passi per la poesia, la musica, il teatro; fondamentale la possibilità di dialogare, fare dibattito, amare le differenze e viaggiare molto, trovarsi a contatto con mondi nuovi per aprire la mente e liberare il cervello. Laureata alla facoltà di Architettura del Politecnico di Milano, presidente dell’Accademia di Belle arti di Brera, Gae Aulenti ha lavorato nella redazione di Casabella e nel comitato direttivo della rivista Lotus International. Senza tralasciare l’impegno civile, quale membro del Comitato dei Garanti dell’associazione `Libertà e Giustizia´.

Innumerevoli i premi e i riconoscimenti, da quello per l’allestimento della sezione italiana della Triennale di Milano, nel 1964, al titolo `Chevalier de la Legion d’Honneur´ conferitole da Francois Mitterand e di `Commandeur dans l’Ordre des arts et lettres´ datole da Jack Lang nel 1987 al `Cavaliere di Gran Croce´ assegnato da Oscar Luigi Scalfaro; e ancora Accademico nazionale di San Luca, `Fashion Group Award´ di New York, `Premium Imperiale´ della Japan Art Association per l’architettura. L’ultimo, nel 2007, il primo premio al `Marble Architectural Awards” di Carrara.

L’architettura – ha detto – passa per quattro fasi: ‘Analitica, sintetica, estetica e anche profetica. Nasce dal terreno, dall’analisi del luogo quindi si costruisce appunto a partire dal contesto e dalla sintesi di ciò che dal contesto emerge’, ma deve anche ‘dare indicazioni che possono valere per gli altri, che devono servire agli altri per apprendere altre cose, come una specie di insegnamento di volontà positiva. L’architettura deve lasciare un segno, un messaggio’. Questo voleva e questo è riuscita a lasciare, senza diventare `archistar´, una figura ‘odiosa’ che lavora ‘più sulle immagini che sulle figure concrete’. (fonte La Stampa/ Wikipedia)

http://www.gaeaulenti.it/

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: