Morto uno dei militari feriti in Afghanistan

 È morto uno dei militari italiani feriti nello scontro a fuoco in Afghanistan. È il caporale Tiziano Chierotti, 24 anni, originario di San Remo, il militare ucciso. Lo rende noto lo Stato maggiore della Difesa. E’ la 52° vittima italiana in Afghanistan.

Il caporale Chierotti era effettivo dal 2008 al 2/o reggimento alpini di Cuneo, inquadrato nella brigata alpina Taurinense. Il caporale Chierotti è morto alle 19.45 locali: ‘gravemente ferito all’addome – spiegano alla Difesa – era stato trasferito dall’ospedale da campo di Farah alla struttura sanitaria di livello superiore di Camp Bastion per le cure del caso, ma è deceduto per il repentino aggravarsi delle condizioni cliniche nonostante i tentativi di rianimazione’.

 Il capo di Stato maggiore, Biagio Abrate, a nome delle Forze Armate e suo personale, esprime ai familiari del caporale Chierotti il ‘profondo cordoglio per la scomparsa’ del caporale. Esprime inoltre al capo di Stato maggiore dell’Esercito, Claudio Graziano, ‘la propria tristezza e i sentimenti di vicinanza alla Forza armata per il lutto che l’ha colpita’.

Continuano a non essere in pericolo di vita gli altri tre militari rimasti coinvolti nello scontro a fuoco di ieri,  a sud di Herat.

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo sullo scontro a fuoco culminato oggi con la morte di un militare italiano, Tiziano Chierotti. Attentato con finalità di terrorismo il reato configurato dagli inquirenti di Piazzale Clodio che sono ora in attesa di una serie di informative sulla dinamica della sparatoria.

http://www.difesa.it

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: