Yoani Sanchez: ‘liberata dopo 30 ore di detenzione’ la blogger di El Pais

Yoani Sánchez on Flickr.

Yoani Sánchez on Flickr. (Photo credit: Wikipedia)

La blogger cubana Yoani Sanchez ha annunciato su Twitter di essere stata ‘liberata dopo 30 ore di detenzione’, e ha ringraziato ‘tutti coloro che hanno levato la loro voce e i loro tweets che ci hanno permesso di ritornare a casa’. La nota blogger cubana era stata arrestata l’altro ieri insieme al marito, il giornalista dissidente Reinaldo Escobar, a Bayamo, a 750 chilometri a sud-est dell’Avana, dove intendeva assistere al processo di un giovane politico spagnolo, Angel Carromero, accusato di omicidio dopo la morte in un incidente stradale dei dissidenti Oswaldo Paya e Harold Cepero.

‘Siamo stati appena liberati! 30 ore di detenzione e molti aneddoti da raccontare’, ha twittato la filologa di 37 anni, che ha vinto molti premi internazionali per il suo blog www.desdecuba.com/generaciony. ‘Durante la mia detenzione ho rifiutato di mangiare e di bere ogni liquido, primo bicchiere d’acqua che ho preso al rientro a casa come fuoco nell’esofago’, ha poi scritto la Sanchez, figura di punta dell’opposizione cubana su internet.

In successivi tweets, la blogger ha scritto che ‘ancora è in stato d’arresto Henry Constantin a Rio Cauto’. Il giornalista ‘è stato arrestato all’ingresso del tribunale di Bayamo’. Sanchez riferisce inoltre che ‘un’altra prova’ del fatto che il giornale Granma – organo ufficiale del Partito comunista cubano – mente, è che aveva detto che il processo a Angel Carromero era pubblico…Ma non lo era’, motivo per cui è stata arrestata.

‘La mia intenzione era totalmente giornalistica’, ha scritto, per ‘riportare da Bayamo attraverso il mio account twitter’. Sanchez riferisce che non può ancora ricevere chiamate sul suo cellulare, ma può comunque inviare sms e tweets.

Intanto si è chiuso il processo contro il giovane politico spagnolo Angel Carromero e ora bisognerà aspettare la sentenza da parte del tribunale locale entro i prossimi dieci giorni. Al termine di una udienza durata undici ore, riportano i media spagnoli, i magistrati dell’accusa hanno mantenuto la loro richiesta di una condanna a sette anni per l’uomo, accusato di ‘omicidio per guida imprudente’.

La difesa del giovane spagnolo ha chiesto invece l’assoluzione per ‘mancanza di prove’, sostenendo che l’incidente è stato provocato dalle condizioni della strada, sottoposta a lavori, e dalla mancanza di adeguate segnalazioni dei lavori in corso nel tratto dove è avvenuto l’incidente. (dal Sole24ore)

yoani.sanchez@gmail.com
http://www.desdecuba.com/generaciony/

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: