Valanga sull’Himalaya: 13 i morti fra cui l’italiano Alberto Magliano

Tragedia nella notte sul monte Manaslu della catena dell’Himalaya in Nepal, dove una valanga ha travolto le tende del Campo 3, nelle quali dormivano oltre 30 alpinisti. Tra le vittime c’è anche un alpinista milanese, Alberto Magliano. Al momento i corpi estratti dalla neve sarebbero 13, ma il bilancio potrebbe ancora aggravarsi. Diversi i feriti, trasportati in ospedale con l’elisoccorso. Si tratta di una delle peggiori tragedie accadute in Himalaya-Karakorum. Nel 2008 sul K2 morirono 11 alpinisti per il crollo di un seracco.

Ieri Magliano era diventato nonno. ‘Siamo stati travolti dalla valanga. Ha portato via una trentina di tende mentre dormivamo’, ha raccontato Silvio Gnaro Mondinelli, uno dei supersiti. Gli italiani che partecipavano alla spedizione erano tre: Silvio Gnaro Mondinelli, Christian Gobbi e Alberto Magliano, noto per essere stato il primo alpinista non professionista (e il secondo italiano dopo Reinhold Messner) ad aver conquistato le ‘Seven summits‘, le vette più alte di ogni continente.

‘Io e Christian stiamo bene, siamo arrivati al campo base poco fa – ha raccontato Silvio Gnaro Mondinelli – ma purtroppo Alberto non ce l’ha fatta. L’abbiamo estratto dalla neve con lo sherpa, e siamo rimasti su ad aspettare per portarlo giù, ma gli elicotteri stanno trasferendo i feriti a valle e ci hanno detto che ci sarebbe voluto tempo. Stasera tardi, o più probabilmente domani mattina, risalgo con l’elicottero per andare a prenderlo. Non riesco a pensarci, era diventato nonno ieri e piangeva di gioia. E’ terribile’.

La valanga.La tragedia è avvenuta alle 4.20 del mattino. Alberto Magliano, nato a Trieste il 24 novembre nel 1945 ma milanese d’adozione, lavorava come consulente nel settore turistico dopo aver ricoperto incarichi manageriali in varie importanti società. Sul sito aveva raccontato la sua esperienza in montagna, iniziata all’età di 36 anni.

Il consolato italiano a Calcutta ha confermato la morte di Magliano. Il console Joel Melchiori, ha riferito della presenza di altri 8 italiani membri della spedizione.  Nessuno di loro, ha detto Melchiori, risulta aver subito ferite gravi.

http://www.sevensummits.it/

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: