Wikipedia e il caso degli editor ‘comprati’

English: Jimbo Wales, the founder of Wikipedia...

English: Jimbo Wales, the founder of Wikipedia, in İstanbul Türkçe: Wikipedia’nın kurucusu Jimbo Wales İstanbul’da bir röportaj esnasında (Photo credit: Wikipedia)

E’ di qualche ora fa la diffusione della notizia che Wikipedia abbia pubblicato delle pagine soltanto perché qualcuno le ha pagate. Cioè di editor comprati per poter avere uno spazio sull’Enciclopedia free common della Rete.

‘Lo scandalo è scoppiato all’interno di una discussione sulla pagina Did You Know(DYK) di Wikipedia – dice il giornalista di Punto Informatico – scatenando la furia del founder Jimmy Jimbo Wales. Più di un’ombra sulle attuali policy della popolare enciclopedia libera, che avrebbero permesso a uomini di fiducia di piazzare numerosi articoli a pagamento, aggiornamenti alle voci in lingua inglese per soddisfare le esigenze dei signori delle public relation’.

‘Nel mirino due tra i cosiddetti wikipediani residenti (Wikipedian In Residence), ruolo ricoperto da editor come intermediari tra istituzioni culturali – in particolare, quelle del progetto GLAM– e la comunità dei contributor della stessa Wikipedia. Da policy interne all’enciclopedia online, i wikipediani residenti non possono risultare in conflitto d’interessi, non abilitati alla modifica degli articoli relativi alle istituzioni curate’, assicura il portale online.

‘Roger Bamkin, uno dei trustee della divisione britannica della Wikimedia Foundation, avrebbe sfruttato la feature DYK e le stesse risorse del GLAM Project per piazzare ripetuti aggiornamenti prezzolati. Tra i ‘clienti’ dello stesso Bamkin – che sul suo profilo LinkedIn si descrive come un proficuo consulente PR – il governo di Gibilterra, comparso per ben 17 volte in un solo mese tra le modifiche agli articoli dell’enciclopedia.’

‘Il secondo personaggio coinvolto è Max Klein, primo gestore di una società di consulenza chiamata UntrikiWiki. Sul sito web della stessa azienda si legge: Un articolo positivo su Wikipedia rappresenta una strategia SEO di indubbio valore: è quasi garantita una posizione tra i primi tre risultati sul motore di ricerca Google. Il conflitto d’interessi appare qui nella sua lampante evidenza’ si legge nell’articolo.

‘Non ero a conoscenza di questo caso, e non ho avuto ancora il tempo per approfondire. È disgustoso’, ha tuonato Jimbo Wales. Secondo il founder di Wikipedia, il piazzamento di un articolo su commissione rappresenta una pratica vietata dalle policy interne al sito. È però vero che non esiste, almeno attualmente, una specifica policy che vieti l’editing a pagamento. Si tratta di una questione etica spinosa, che andrà senz’altro chiarita al più presto’ .

La notizia ha già seguito il tam tam della rete, raggiungendo in pochi minuti anche l’Italia. Resta da vedere quanto ci sia di attendibile e quale decisione ha intenzione di prendere il fondatore della libera Enciclopedia della Rete, Wikipedia appunto, per mantenere la propria credibilità a proposito di etica di pubblicazioni fuori lucro.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: