Alcoa: Glencore, Klesh e le offerte dall’estero

‘Ci sono i presupposti per una soluzione, bisogna lavorarci su’. Per il sottosegretario allo Sviluppo economico Claudio De Vincenti, ai microfoni di Radio Anch’io su Radio 1, la situazione per l’Alcoa di Portosverme  risolvibile anche se difficile. Soprattutto con le offerte di Glencore, Klesh e altre due manifestazioni di interesse che lui stesso a definito ‘importanti’.

Gli altri due gruppi interessati all’acquisto dell’Alcoa di Portovesme sono un’azienda torinese e una ‘grossa società cinese’ che avrebbe già richiesto di avere ‘accesso alla data room‘. Lo afferma il presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, a Radio Anch’io.

De Vincenti ha poi precisato che le due nuove manifestazioni di interesse per l’Alcoa di Portovesme sono ancora ‘a uno stadio molto preliminare’ anche se importanti. Per tutti gli interessati valgono le condizioni per il prezzo dell’energia e le infrastrutture chiarite ieri al tavolo con Glencore.

In particolare sul fronte energetico, De Vincenti, ha parlato di sconti ‘assolutamente in linea con la normativa europea’ vicini a 40 euro a megawatt ora. Quanto allo spegnimento degli impianti ‘stiamo stringendo l’azienda a mantenere gli impegni’ e sta procedendo ‘secondo gli accordi’.

L’azienda si impegnata a tenere in efficienza l’impianto per tutto il 2013 con almeno 50 celle in condizione di essere riavviate da un giorno all’altro’.

http://www.fiom.cgil.it/

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: