Gli astronomi e il nuovo pianeta fatto di diamandi

Dicono sia fatto di diamanti. E per noi è un pianeta completamente nuovo, dato che gli astronomi lo hanno dato come nuova scoperta. Il nuovo pianeta esotico che sembra essere costituito in  maggior parte dalla preziosa pietra, è in realtà una piccola stella nel nostro ‘cortile’ galattico.

Il nuovo pianeta fatto di diamanti è molto più denso di qualsiasi altro conosciuto finora e si compone in gran parte di carbonio. Perché è così denso? Gli scienziati calcolano che il carbonio deve essere cristallino, così una buona parte di questo strano, piccolo mondo, sembra proprio essere un diamante.

‘La storia evolutiva e la densità incredibile del pianeta suggeriscono che sia composto da carbonio – ossia un diamante enorme che orbita intorno a una stella di neutroni ogni due ore in un’ellissi così stretta che potrebbe includere il nostro Sole”, ha detto Matthew Bailes della Swinburne University of Technology di Melbourne.

A 4000 anni luce di distanza, pari a circa un ottavo della strada verso il centro della Via Lattea dalla Terra, il pianeta è probabilmente il residuo di una stella un tempo molto massiccia, che ha perso i suoi strati esterni al cosiddetto pulsar della stelle in orbita.

Le pulsar sono stelle di neutroni piccoli, morti che si trovano a soli circa 20 chilometri (12,4 miglia) in un diametro di centinaia di spin e di volte al secondo e, che emettono fasci di radiazioni.

Nel caso della pulsar J1719-1438, le si trova regolarmente spazzare la Terra e sono stati monitorati dai telescopi in Italia, Gran Bretagna e Hawaii, permettendo agli astronomi di rilevare modulazioni a causa della forza di attrazione gravitazionale del suo pianeta compagno invisibile.

Le misurazioni indicano che il nuovo pianeta diamante orbita attorno alla sua stella ogni due ore e 10 minuti, che ha una massa poco più grande di quella di Giove, ma è 20 volte più denso, proprio come riportato da  Bailes e dai suoi colleghi sulla rivista scientifica lo scorso giovedì.

Oltre al carbonio, il nuovo pianeta è probabile che contenga anche ossigeno, che può essere più prevalente in superficie e probabilmente è sempre più raro verso il centro ricco di carbonio.

La sua alta densità suggerisce che gli elementi più leggeri quali l’idrogeno e l’elio, che sono i componenti principali di giganti gassosi come Giove, non siano presenti.

E sta proprio in questo strano mondo chiamato diamante, così vicino a noi, il mistero.

Insomma potrebbe essere simile a un diamante e non proprio’, ha detto Ben Stappers dell’Università di Manchester. ‘Non credo che l’immagine di un oggetto molto brillante corrisponda a quello che stiamo vedendo qui in foto.’

Come si dice ‘vedere per credere?’.

https://cookednews.wordpress.com/2012/06/09/the-tomato-genome-una-ricerca-italiana-su-nature/
https://cookednews.wordpress.com/2012/08/06/curiosity-on-mars-le-prime-immagini-dal-pianeta-rosso/

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: