Crono per Wiggins: l’italiano Nibali terzo sul podio del Tour de France. Domani ultima gara

Non era mai successo. Che non uno, ma due britannici si aggiudicassero il primo e il secondo posto del podio al Tour de France. Il terzo va all’italiano Vincenzo Nibali.

Il Crono incorona Wiggins con il miglior tempo di 1’04”13: 1’16” su Froome e 1’50” a LL Sanchez. A Parigi sarà il primo corridore from Great Britain  a salire sul gradino più alto del podio della Grande Boucle. Insieme al britannico del Team Sky.

Un britannico per la prima volta sul gradino più alto del Tour de France. Bradley Wiggins riesce nell’impresa che Sky si era posta come obiettivo primario una volta entrata nel ciclismo. Il re della 99esima edizione del Tour de France è lui.  Ex pistard di 32 anni, si aggiudica una Grande Boucle dura e faticosa.  In montagna, sempre a ruota e a cronometro, ha dato lezioni a tutti anche a Chartres, meritando – come si dice – l’amara vittoria.

La massacrante cronometro di 53 km, che in tanti temevano a inizio Tour e che proprio da inizio tour già davano vinta al tenacissimo e resistente Wiggings, in realtà non è stata nemmeno necessaria. Distacchi già decisi dalla seconda prova contro il tempo,  i 40 km di Besançon, sono poi definiti negli ultimi giorni dai Pirenei. Dopo le polemiche per gli attacchi alla leadership di Froome, arriva la prova di forza dell’acuto capitano.

Vincitore quest’anno anche di Parigi-Nizza, Romandia e Delfinato, Wiggins ha dato un pugno al Tour de France (è così che ha esultato sul traguardo l’inglese vincente) nel giorno a lui più favorevole, dominando la 19esima tappa della corsa a 50 km/h di velocità media e mettendo altro tempo fra sé e i rivali.

Froome chiude al secondo posto a 1’16”. Luis Leon Sanchez, che accompagna con sorrisi nervosi le pedalate di Wiggins fino all’arrivo, è terzo a 1’50”. Poi gli altri, tutti con ritardi superiori ai due minuti: Velits, Porte, Gretsch, la maglia bianca Van Garderen, Kiryienka, Taaramae e Roy. Questa la Top Ten, dove non si scorge il nome di Vincenzo Nibali, che chiude al 16esimo posto a 3’38” dal vincitore, ma che domani riporterà l’Italia sul podio a Parigi, sette anni dopo il secondo posto di Ivan Basso nel 2005. Mai nella storia del Tour de France un britannico era salito sul podio. A Parigi, nel 2012, ce ne saranno addirittura due. E saranno compagni di squadra: Wiggins e Froome. Il terzo è italiano e si chiama Vincenzo Nibali.

Complimenti a Daniel Oss, che 14esimo riesce a superare il  suo capitano. I bocciati Grande Boucle di questa edizione sono Denis Menchov, mai protagonista sulle Alpi e sui Pirenei e che nell’ultima cronometro rimedia oltre 4′ di ritardo, e soprattutto Cadel Evans. Lo scorso anno in festa per il suo primo trionfo al Tour de France, quest’anno risulta piegato da una carta di identità che comincia a farsi impietosa.

Mai nella storia del Tour de France un britannico era salito sul podio e a Parigi, nel 2012, ce ne saranno addirittura due. E saranno compagni di squadra: Wiggins e Froome. Il terzo è italiano e si chiama Vincenzo Nibali.

#TDF12

Facebook :http://goo.gl/4s1GM
Google + : http://goo.gl/VCI2S
· http://www.letour.fr
http://www.letour.fr/le-tour/2012/us/

Related articles

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: