#FF, i falsi follower di Beppe Grillo e la risposta del comico a Berlusconi

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi (Photo credit: rogimmi)

E’ il primo a destra. Il comico italiano sconosciuto anche al Financial Times per un articolo/lettera in cui spiega ai colleghi esteri che ‘no che non è il Duce‘ punta il dito e smaschera l’artefice dell’accusa mossagli ieri da uno studio, di essere fondamentalmente un bugiardo. La risposta di Beppe Grillo a chi ieri lo ha accusato di falsare il numero di follower su Twitter (+ del 54%) arriva oggi sul blog del comico genovese. Alla voce #FF, che sta per false follower, risponde un numero inverosimile di falsi seguaci del comico politico italiano, che portando in piazza un intero movimento di italiani stanchi della politica vecchia e nuova quando le strutture si ripetono e sempre alla stessa maniera, è riuscito a dare cinque importanti città ad altrettanti sindaci grillini fuori dai partiti canonici e figli del Movimento 5 stelle.

‘Ecco chi è Marco Camisani Calzolari, il re di twitter – dice Grillo – che ha diffuso valutazioni false sul mio account twitter. Prima di Calzolari Vien Dal Mare solo Steve Jobs. La memoria della Rete non perdona! Ha realizzato il network ufficiale dei sostenitori di Berlusconi,www.forzasilvio.it, per il quale è anche consulente per attività di comunicazione digitale.

Definisce il libro di Berlusconi ‘L’amore vince sempre sull’invidia e sull’odio’ (libro che raccoglie una parte dei messaggi lasciati dagli utenti del sito Forzasilvio.it.) come ‘un bell’esempio di convergenza analogico-digitale per portare agli analogici il pensiero dei digitali’. Ha sostenuto il comitato per il premio Nobel a Berlusconi. Ha collaborato all’iniziativa http://www.rivotiamo.it fatto per ForzaItalia per contestare la vittoria di Prodi del 2006.’

Marco Camisani Calzolari, professore alla Iulm, ha respinto l’accusa di Beppe Grillo di essere consulente di Silvio Berlusconi. ‘Io non ho creato forzasilvio.it e non sono consulente delle attività digitali, del Pdl di Berlusconi’, ha assicurato sul suo blog il docente dello Iulm di Milano e amministratore delegato della società informatica Speakage. Proprio la Speakage, ha spiegato, ‘ha fornito nel 2008, come a decine di altri clienti nel mondo, la piattaforma al Pdl, che l’ha usata per creare forzasilvio.it. Speakage non ha nulla a che fare con i contenuti e non ha alcun incarico relativo alle strategie che ci sono dietro’.

‘Capisco che in un Paese in cui gli intellettualmente onesti sono pochi sia difficile da credere, ma è evidente che se fossero ricerche basate su interessi avrei nascosto il nome di un cliente così importante…’, ha proseguito Calzolari. ‘Ebbene si’, esiste una foto con Berlusconi quando mostravo al cliente il funzionamento della piattaforma che gli avrei venduto. Forzare il collegamento con Berlusconi è poco onesto da parte di chi lo fa. Sarebbe più corretto entrare nel merito del metodo della ricerca invece di sollevare inutili sospetti’.

https://twitter.com/beppe_grillo
http://www.beppegrillo.it/2012/07/calzolari_il_re_di_twitter/index.html

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: