Pininfarina addio: se ne va il simbolo del Made in Italy

 Sergio Pininfarina, presidente onorario del Gruppo Pininfarina, è morto la notte scorsa nella sua casa di Torino. Vicini al senatore a vita eletto da Ciampi, la moglie Giorgia e i figli Lorenza e Paolo. A 86 anni, era considerato il simbolo del Made in Italy.

Artista dell’auto, nasce a Torino l’8 settembre 1926. Laureato in Ingegneria Meccanica presso il Politecnico di Torino nel 1950, Pininfarina inizia la sua attività nell’industria paterna, la Carrozzeria Pinin Farina, di cui nel 1960 assume la carica di Direttore Generale, nel 1961 quella di amministratore delegato e nel 1966, alla morte del padre, quella di Presidente. Nel 2006 diventa Presidente d’Onore. Nel 1961 il presidente della Repubblica Italiana, Giovanni Gronchi cambia per decreto il cognome Farina in Pininfarina.

Pininfarina ricopre inoltre numerose cariche nel corso della sua carriera. Professore di ‘Progettazione di Carrozzeria’ al Politecnico di Torino dal 1974 al 1977. Presidente dell’Unione Industriale di Torino (1978-1984). Deputato al Parlamento Europeo (1979-1988). Presidente della Federazione delle Associazioni Industriali del Piemonte (1983-1988). Presidente dell’OICA – Organisation Internationale des Constructeurs d’Automobiles (1987-1989). Presidente di Confindustria (1988-1992). Amministratore dell’AUME – Association pour l’Union Monétaire de l’Europe (1989-1997). Presidente del Comitato Leonardo – Italian Quality Committee (1993-1996). Co-Presidente del Comitato Promotore della Direttrice Ferroviaria Europea Transpadana ad Alta Capacità Merci e Passeggeri (1991-2001). Presidente Banca CRT (2001-2002) e Capo della Delegazione italiana in seno alla Commissione Intergovernativa Italo-Francese per il nuovo collegamento ferroviario ad Alta Velocità fra Lione e Torino (2001-2005). Presidente FIDIA S.p.A. (1996-2006). Co-Presidente Italy-Japan Business Group (2004-2007) e Presidente Editrice La Stampa S.p.A. (2004-2008). Consigliere d’Amministrazione della Ferrari S.p.A. dal 1969 al 2011.

Gli vengono conferite quattro lauree honoris causa: nel 1993 quella in Economia e Commercio dall’Università Luiss di Roma, nel 2002 quella del Royal College of Art di Londra e quella in Disegno Industriale dal Politecnico di Milano e  nel 2004 quella in Belle Arti dal College for Creative Studies (CCS) di Detroit.

E’ sua la e MTB verde, la bicicletta  in raccolta nei distributori Esso qualche anno fa.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: