Euro2012: aspettando Italia Irlanda, goleades e biscotti nell’era del calcio spettacolo

A chi il biscotto e a chi la goleada: storia di campionato di vecchi, buoni termini.

E anche se Prandelli Cesare, l’attuale ct della nazionale italiana non vuol sentirne parlare di prodotti da forno e affini, biscotto e biscottate nelle sue svariate declinazioni, sembra proprio che sia stato l’ex allenatore senese a passare la palla a un pubblico affamato di giornalisti, che fra conferenze stampa ufficiali e dichiarazioni rubate a bordo campo o negli spogliatoi, fashion gossip sulle 16 maglie delle nazionali che si contendono il trofeo di campioni d’Europa 2012, formazioni, calcioscomesse, parate e portavoci dell’eterodossia, ci siamo un po’ giocati tutto. Ed ecco che aspettando il grande match decisivo con l’Irlanda del vecchio, buon Trappatoni, che oggi festeggia l’Ulysse – è il Bloomsday – con un percorso d’obbligo nella Dublino dell’autore, James Joyce, gran parte dei giornali italiani, on e offline, qualora   ne esistessero ancora, dedicato fittissime pagine (almeno una) agli incontri che decideranno le sorti di questo ennesimo, importante e caldissimo campionato di calcio. Anche sotto la pioggia.

Girandoci i pollici nell’attesa di capire dove hanno lasciato le briciole di questo gran calderone che non ancora nessuna intenzione di spegnersi, visto i risultati e le gare che ogni giorno continueranno a susseguirsi fino al prossimo, caldo mese di luglio, ci siamo chiesti origine ed etimologia di alcune parole sulle quali si sono costruite queste giornate di gossip calcio e poco spettacolo.

Quindi. Cosa vuol dire biscotto e perché per la Spagna Campione del Mondo, che ha spiazzato l’avversaria Croazia con un 4 a zero tutto sommato prevedibilissimo, si parla di goleada e il nostro italianissimo Prandelli non vuol sentire parlare invece di biscotto?

Cercando goleada (SPAGNA-IRLANDA 4-0 4′ Torres, 49′ Silva, 71′ Torres, 83′ Fabregas) ecco che cosa ci restituisce la Rete. Nel gergo calcistico – ci dice il dizionario del Corriere – serie notevole di gol messi a segno in una partita, generalmente da una sola delle squadre. Definizione e significato confermati dall’Hoefli che alla voce SPORT spiega che la goleada corrisponde ‘nel calcio, a un elevato numero di gol, spec. segnati in un’unica partita’ . Il sostantivo di chiara origine spagnola, è femminile e al plurale si pronuncia aggiungendo la s, dunque goleadas. 

Per Zeronet goleada alla spagnola, è una ricca messe di goal segnati nel corso di una partita di calcio. Già usato da molti anni, il termine divenne anche più popolare dopo la vittoria della squadra italiana ai campionati mondiali di calcio svoltisi in Spagna nel 1982. Il campionato stesso diventò il mundial, i suoi vincitori i mondiali. Uno di loro, Paolo Rossi, ebbe il soprannome di ‘chico de oro’ o Pablito (de oro) – bambino d’oro.

Per questi UEFA – Euro2012 hanno tirato  nuovamente fuori dal cilindro il termine – appropriatissimo nel caso dei tifosi troll irlandesi –  per il numero di quattro goals messi a segno dalla Furia Rossa Campione del Mondo, la Spagna , contro l’Irlanda del Trap.

Ed ecco perché Prandelli (e neppure gli spagnoli) non vuole sentire parlare di biscotto.

Nel calcio, il biscotto indica un pareggio accordato fra due squadre in danno di una terza. Che sarebbe una combine ma non proprio  e  che durante dei campionati di calcio è quanto dire. Il pareggio andrebbe a vantaggio di entrambe le squadre, portandone alla vittoria una. E supponendo un pareggio fra le furie rosse e i croati, in pareggio con la nazionale italiana al primo match, ad esempio un 2-2 Spagna e Croazia,  l‘Italia sarebbe eliminata a prescindere dal proprio risultato contro l‘Irlanda per la regola dei goal negli scontri diretti che avvantaggerebbe spagnoli e croati. Anche se arrivare a fare 2-2 non equivale proprio a uno 0-0 o 1-1.

Con i 4 goal di Spagna Croazia, la furia roja di Del Bosque sale al comando del Gruppo C a quota 4 punti: gli stessi della Croazia ma con una migliore differenza di reti. L’Italia, in caso di ‘pareggio biscottato’ tra Spagna e Croazia, sarebbe dunque condannata a prescindere dal risultato contro l’Irlanda. Dal biscotto scandinavo alla galleta, il destino degli azzurri all’Europeo è molto simile a quello di Euro 2004.

Quando Svezia e Danimarca brigarono per un fasullo 2-2 e resero vana la vittoria dell‘Italia contro la Bulgaria. Il turno andò a loro, mentre gli azzurri tornarono a casa.

Ma quando si gioca Italia – Irlanda?

Dopo i due pareggi contro Spagna e Croazia, l’Italia di Cesare Prandelli tornerà in campo lunedì 18 giugno contro l’Irlanda al Municipal Stadium di Poznan, Polonia. Fischio d’inizio alle 20:45. Alla stessa ora si gioca l’altra partita del girone C, Spagna-Croazia (in campo all’Arena Gdansk).

Per passare il turno, gli azzurri dovranno battere l’Irlanda e sperare che Spagna-Croazia non finisca con un pareggio ricco di gol (dal 2-2 in su)

 Di seguito alcuni ‘biscotti storici‘.

http://www.ansa.it/web/notizie/europei2012/news/2012/06/15/Calcio-biscotti-quanti-casi-_7043362.html
http://it.eurosport.yahoo.com/blog/top-flop/top-10-dei-biscotti-internazionali-094019353–spt.html
http://it.uefa.com/uefaeuro/

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: