Giappone No Nuke: il paese del Sol Levante spegne i reattori a uso civile. L’ultimo di 54

Pochi giorni ancora e il Giappone sarà denuclearizzato. Per essere più precisi, il Paese del Sol Levante non adopererà più il nucleare a uso civile: l’ultimo reattore operativo sui 54 totali, il n.3 di Tomari, sarà spento il prossimo 5 maggio. A comunicarlo l’operatore dell’Hokkaido Electric Power, sottolineando però la possibilità di i rischi di blackout durante l’estate.

Con Fukushima, il peggior disastro dopo Cernobyl, si è deciso di fermare i reattori per le ispezioni di routine. Da allora, per garantire la sicurezza alle popolazioni locali non sono più stati accesi. Al netto di reattori inutilizzabili e di quelli considerati a rischio, le unità operative sono state sottoposte alla manutenzione ordinaria, obbligatoria in Giappone ogni 13 mesi. Contemporaneamente il governo nipponico ha preventivato gli stress test da effettuare nello stesso periodo.

Prima della crisi, il Sol Levante ha prodotto e soddisfatto il 30% del proprio fabbisogno energetico dal nucleare, compensato via via dal ricorso ai combustibili fossili, soprattutto gas, per l’alimentazione delle centrali termiche.

A fronte di questa decisione, però, c’è chi teme che con l’arrivo dell’estate si possano verificare dei black out, a causa della minore disponibilità di energia nei momenti di picco e di maggior richiesta.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: